Unione Regionale delle Camere di Commercio industria Artigianato Agricoltura della Sicilia

Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura della regione Sicilia
Seguici:

Progetto: Internazionalizzazione

Obiettivo del progetto

Nell’attuale momento di grave emergenza sanitaria ed economica, il sistema camerale in Italia e nel mondo è più che mai impegnato a sostenere le imprese e i territori per fronteggiare questa difficilissima fase per gli scambi internazionali ed esser pronti a ripartire quando l’emergenza sarà passata.

Una delle sfide principali che sta emergendo – come rilevato da più parti, non da ultimo dalle stesse Camere di commercio italiane e da quelle italiane all’estero – riguarda la necessità sia di definire una nuova offerta di servizi in risposta ai mutati fabbisogni delle nostre PMI, sia di utilizzare in maniera più diffusa le tecnologie digitali per continuare a erogare i servizi di accompagnamento e orientamento all’export, adattandoli alle nuove esigenze delle imprese e dei mercati internazionali.

In quest’ottica, Unioncamere, anche in collaborazione con la società di sistema Promos Italia, ha già favorito l’avvio da parte delle Camere di commercio di un profondo processo di digitalizzazione di tutte le attività di profilazione, diagnostica e affiancamento alla definizione di piani di pre-fattibilità per l’estero. Tale processo andrà rafforzato nel corso dell’anno, al fine di continuare a sviluppare, adattandolo meglio anche alla contingenza, quanto già era in parte previsto nell’ambito delle iniziative congiunte svolte dalle Camere con il progetto di sistema SEI (Sostegno all’Export dell’Italia) per fornire una prima assistenza alla soluzione dei problemi legati al commercio con l’estero in questo periodo.

Al di là degli interventi straordinari a sostegno delle imprese per fronteggiare la crisi pandemica (anche attraverso uno specifico servizio di Contingency Desk per aiutare le nostre aziende a reagire all’emergenza, con aggiornamenti sui principali mercati esteri, sugli accorgimenti nelle attività di export e sulle opportunità di affari da cogliere), le iniziative previste per questa nuova edizione del progetto rispondono a due obiettivi centrali:

  1. aumentare il numero delle imprese esportatrici e far crescere il volume dell’export italiano, specie nel comparto dei servizi (al di fuori del commercio e del turismo). A tal riguardo, si intende investire nel rafforzamento della rete di presidio attivo sui territori rappresentata dalle Camere di commercio, attraverso sempre più diffusi interventi “porta a porta” rivolti alle PMI potenziali ed occasionali esportatrici, sia quelle già individuate e profilate, sia quelle che, anche a seguito di precedenti iniziative camerali (in primo luogo quelle previste nell’ambito della prima edizione del Progetto SEI), hanno avviato un percorso di presenza all’estero;
  2. accompagnare le nostre imprese a vendere all’estero anche attraverso le piattaforme digitali. Oltre alla formazione e all’assistenza al corretto posizionamento sulle piattaforme digitali, gli interventi punteranno – più in generale – ad aumentare la consapevolezza delle imprese sui vantaggi del digitale e a innalzare le loro competenze. A tal riguardo, verrà curata, in particolare, una integrazione con i servizi offerti attraverso i PID (Punti Impresa Digitale) a oltre 200mila imprese che nell’ultimo triennio si sono rivolte alle Camere per un accompagnamento all’utilizzo degli strumenti della digitalizzazione.

 

Pin It on Pinterest